Ponti storici

I principi per la conservazione dei ponti storici sono illustrati nella guida tecnica d’applicazione «La conservazione delle vie di comunicazione storiche» [PDF 8 MB], alle pagine 87–95.

Principi di conservazione

Secondo le indicazioni contenute nella guida tecnica d’applicazione (pag. 90), la conservazione dei ponti storici si fonda sui seguenti principi. I ponti storici rappresentano una sfida sia per l’edilizia viaria sia per la tutela dei beni culturali. Le molteplici sollecitazioni e le crescenti esigenze in materia di sicurezza statica, sicurezza del traffico e comfort dell’utenza possono mettere in discussione l’esistenza e la fruibilità di un ponte storico.

Gli interventi conservativi devono seguire un ordine di priorità dettato dai principi di conservazione delle vie di comunicazione storiche. La volontà primaria deve essere quella di conservare l’opera nello stato e nel sito originari, attraverso un lavoro di restauro, dove necessario anche con elementi integrativi, eseguito con la dovuta cura e delicatezza.

Gli interventi devono eventualmente essere accompagnati da restrizioni d’uso. Solo nel caso in cui dette restrizioni non siano applicabili per ragioni di carattere viario si possono studiare modifiche di discreto e moderato impatto, intervenendo sulla struttura esistente.

Qualsiasi intervento deve avere il massimo riguardo a non cancellare la storia architettonica del ponte e a mantenere inalterato il suo valore storico-culturale. Il ricorso a materiali e tecniche costruttive contemporanei deve essere moderato e gli interventi più invasivi (p. es. rimozioni di parapetti, rivestimento in calcestruzzo della soletta, il dislocamento o la demolizione e sostituzione di un ponte) devono in ogni caso avere priorità secondaria.

Letteratura di approfondimento

  • NODOUSHANI, Mohammad, 1996: Instandsetzung von Natursteinbrücken, Düsseldorf.
  • PROSKE, Dirk et al., 2006: Sicherheitsbeurteilung historischer Steinbogenbrücken, Dresden.
  • Serie di norme SIA 269: Conservazione delle strutture portanti, Zurigo.

Esempi di guadi e passerelle

Ripristino di guadi

septimerpass
 

Esempi di ponti in legno

Ripristino dell'impalcato e dell'armatura sospesa

suwarow
 

Esempi di ponti ad arco in pietra

Strategia costruttiva

stalden
  • Il vecchio ponte Chibrücke (Stalden VS), edificato quasi 500 anni fa, è stato interamente restaurato nel 2006–2007. I parapetti in muratura risalenti all’epoca della costruzione e i metodi costruttivi originali sono stati mantenuti sostanzialmente invariati.
 
puntdivaldilei
 
stainstag
  • Il vecchio Stäinstäg Cröt lungo la vecchia strada di fondovalle (Avers GR), risalente a parecchi secoli fa, versava in uno stato di avanzato degrado. La volta originale è stata mantenuta, il fondo stradale rinnovato utilizzando le lastre in pietra naturale originali ancora esistenti. Su richiesta del committente, i parapetti ormai in rovina sono stati ricostruiti prendendo a modello oggetti simili risalenti alla stessa epoca.
 

Impermeabilizzazione dei ponti ad arco in pietra
Il ricorso a moderne tecniche di impermeabilizzazione è consentito solo in casi di assoluta necessità.

avers
 
chibrucke
  • Per assicurare un’efficace impermeabilizzazione del ponte Chibrücke (Stalden VS) è stato necessario ampliare un corpo murario esistente e stendere un ulteriore strato impermeabilizzante in resina poliuretanica fluida.
 

Miscele di malta

mortel chibrucke
  • Per riparare l’opera muraria dello Chibrücke (Stalden VS) è stata utilizzata una malta composta principalmente da calce grassa e sabbia.
 

Intonaco

verputz chibrucke
  • Il Chibrücke (Stalden VS) è stato intonacato con la tecnica a pietra rasa, che consiste nel riempire completamente le commessure con la malta lasciando visibile la parte frontale dei blocchi di pietra.
 
verputz puntdival
 

Superficie stradale sui ponti ad arco in pietra

weg stainstagcrot
 

Esempi di ponti in acciaio

Ripristino di una travatura reticolare in acciaio

blacktenbrucke
  • Nonostante i forti danni provocati dalla corrosione, si è riusciti a restaurare il ponte Blaktenbrücke (Bauma, ZH), di 120 anni circa, nel sostanziale rispetto della struttura originale.
 

Esempi di ponti in cemento

Ripristino di elementi in cemento armato danneggiato

dalvazzabrucke
  • Per il recupero del ponte di Dalvazza (Luzein, GR) sono stati riparati i consistenti danni al cemento e la carreggiata è stata nuovamente impermeabilizzata e provvista di sistema di drenaggio.